martedì 26 luglio 2011

I GRANDI


... mi viene sempre da dire i GRANDI: mamma e papà sono grandi, il capo dell'ufficio è grande, il nostro presidente è grande etc. etc. etc. e invece no!!! sono vecchi, vecchi, vecchi (scusate babbo e mamma)... non sono grandi. IO SONO GRANDE... oddio!!!... e invece poi ti ritrovi li alla tenera età di ventott'anni a parlare con gli amici a cena e a dire ancora "un gol alla Del Piero" e ti rendi conto che Del Piero beve Uliveto in realtà perché l'età gli ha causato problemi alla diuresi e che non fa più un gol così dal mesozoico...la signorina Chiabotto invece che beve Rocchetta con lui ormai ha l'aspetto e la grinta della signora (o signorina?) nella fotografia.. e anche io che credevo di essere ancora in tempo in realtà faccio già parte di una nutrita schiera di persone che passa anonima sul ponte della vita e già non riesce più a comunicare col cibernetico cuginetto... "aaaa che pessimismo - vorrà mica essere così tutto il blog??? - tu non sei giovane ne grande, tu sei vecchio dentro" così parla dentro di me il buon senso e mi rinfresca il viso.. e così come risvegliato faccio cagare il cane che non sembra accorgersi del dramma che sto vivendo attratto com'è dagli odori della notte.. altro che vita da cani, ci vorrebbe quella leggerezza li, non staremo mica sulla terra per lavorare o ancora peggio per cercare lavoro, scusate ma ha molta più dignità mangiare, bere, respirare guardare il cielo o cagare. Quindi cari i miei grandi ormai vecchi, cari i miei giovani ormai grandi, caro capo dell'ufficio e caro presidente da me parte questo insegnamento: mangiate, bevete, respirate, guardate il cielo, ma soprattutto andate a cagare.

scrivi la tua storia da precario a storiediunprecario@hotmail.com
Loading...